lunedì 9 marzo 2015

[Recensione] Shadowhunters - Città del Fuoco Celeste di Cassandra Clare

Buon inizio di settimana!
Credo che questa sia una delle prime volte in assoluto che riesco a finire di leggere un libro e a scriverne la recensione, nonché a pubblicarla, a pochi giorni di distanza. Ho finito Città del Fuoco Celeste nel weekend appena trascorso e ora, se avrete la pazienza di starmi a leggere, vi dirò che cosa ne penso!


TITOLO: Shadowhunters - Città del Fuoco Celeste
TITOLO ORIGINALE: The Mortal Instruments - City of Heavenly Fire
AUTRICE: Cassandra Clare
PAGINE: 727
CASA EDITRICE:Mondadori
COLLANA: Chrysalide
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2014








TRAMA

"Erchomai, ha detto Sebastian. Sto arrivando. E ancora una volta sul mondo degli Shadowhunters cala l'oscurità. Mentre tutto intorno a loro cade a pezzi, Clary, Jace e Simon devono unirsi con tutti quelli che stanno dalla stessa parte, per combattere il più grande pericolo che la società dei Nephilim abbia mai affrontato: Sebastian, il fratello di Clary. Il traditore, colui che ha scelto il male. Nulla, in questo mondo, può sconfiggerlo, e i tre, uniti da un legame profondo e indissolubile, sono costretti a cercare un altro mondo dove l'estremo scontro abbia una speranza di vittoria. Il mondo dei demoni. Ma il prezzo da pagare sarà altissimo. Molte vite saranno perdute per sempre, e l'amore sarà sacrificato per un bene più grande: scongiurare la distruzione definitiva di un mondo che non sarà mai più lo stesso. Perché la fine degli Shadowhunters è anche il loro inizio."



Ammetto che ero un po' titubante prima di leggere questo libro. La mia curiosità era tanta, ma ho letto in giro qualche parere - nessuna recensione però, non ne ho avuto il coraggio - non proprio entusiasta. Trattandosi dell'ultimo (?) capitolo di una saga che, come ben sapete, mi ha davvero conquistata, avevo paura che potesse deludermi, il che sarebbe stato davvero un gran peccato.
E incece no, mi è proprio, ma proprio piaciuto! Credo che, assieme a Città di Vetro, Città del Fuoco Celeste sia il capitolo meglio riuscito di tutta la saga, tanto che è stato la mia dannazione lo scorso weekend, quando mi ha costretta a trascurare un po' lo studio per andare avanti con la lettura. Confesso che sono soddisfatta di me, non avrei mai pensato che sarei riuscita a leggere questo bel mattone  ( 700 pagine non sono proprio una lettura leggera) in poco meno di due settimane!

Ma torniamo al libro: mi reputo pienamente soddisfatta, e credo che la Clare abbia saputo chiudere (?) la saga in modo davvero degno. Anzi, se io fossi in lei, eviterei di scrivere altro sugli Shadowhunters: ora il rischio che questa serie corre è quella di diventare una successione infinita di libri che alla lunga finiranno per perdere il loro perché e il loro senso, con personaggi sempre nuovi e storie che dopo un po' smetteranno di essere originali e credibili.

A parte questa mia personalissima opinione, adesso voglio davvero lasciarmi la mia impressione sul libro.
Ho trovato una trama ricca e articolata, sicuramente più articolata di quella dei precedenti due libri. Aspetto che ho apprezzato molto è l'effettivo coinvolgimento di quasi tutti i personaggi che hanno fatto la loro comparsa in vario modo nei libri precedenti: se il proverbio dice "tutti i nodi vengono al pettine", qui possiamo dire che "tutti i personaggi fanno la loro parte, anche se piccola". E, ovviamente, ne incontriamo anche di nuovi. Inoltre ci sono dei chiari riferimenti alla saga delle Origini e io adoro quando più storie si intrecciano, quando personaggi di saghe diverse si incontrano e intergiscono nello stesso contesto.
I nostri amici Shadowhunters maturano e qui più che negli altri libri credo che il lettore se ne possa rendere conto.
Alec Lightwood ha deciso che era ora di smettera di far parte della tappezzeria, finalmente! Ora non è più soltanto un personaggio-spalla destinato a rimanere, nonostante i suoi sforzi, sullo sfondo. Qui troviamo un Alec deciso, adulto, un Alec che per la prima volta in sei libri impreca e si arrabbia, che è in grado di lottare fino alla fine per ciò che ama. Anche Jace cambia: più maturo anche lui, più grande, ma sempre con quella sua irresistibile vena ironica che dà origine a conversazioni quanto mai bizzarre e fuori dal comune. E la "rubacuori" Isabelle si scopre più fragile e sentimentale di quanto lei stessa sospettasse. Magnus invece riserva al lettore numerose sorprese, ed ha mantenuto bene la sua posizione all'interno dei miei personaggi preferiti della saga. Non da ultimo, anche la madre di Clary - ed era ora - si trova coinvolta in modo diretto negli eventi.
Poi passiamo a Sebastian-Jonathan Morgerstern. Forse apparentemente il classico cattivo, l'aspirante conquistatore del mondo, ma a tratti anche qualcosa di diverso, un qualcosa che "forse" avrebbe potuto essere in un altro mondo. Anche lui gran bel personaggio per quel che mi riguarda. Un po' folle e confuso circa i legami di sangue, ma vabbè, non si può pretendere tutto.
 In questo libro più che altrove si parla molto di cosa significhe essere parabatai. Dopo aver letto la saga delle Origini, in cui questo è uno dei temi principali, mi ero un po' stupita di come in quest'altra serie se ne facesse soltanto qualche cenno sporadico. Voglio dire, si sa che Jace e Alec sono parabatai, ma finora ne avevano parlato pochissimo. Adesso finalmente troviamo qualche parole sull'argomento!
Ci sono stati momenti divertenti, momenti tristi - un po' di sangue scorre, purtroppo - momenti che mi hanno lasciata con il fiato sospeso e momenti teneri e dolci ( Jace e Clary *-*): azione, morte, sorpresa, colpi di scena e prezzi da pagare. Semplicemente il meglio della Clare. Anche se, confesso, credo che nel complesso della trama sia scappata qualche piccola incongruenza, qualche piccolo dettaglio che è stato contraddetto tra l'inizio e la fine del libro. 

Vi lascio anche con la cover originale, che secondo me è stupenda e batte di gran lunga quella italiana!


In ogni caso, che dire... se non avete ancora iniziato questa serie, che cosa aspettate a farlo???

Alla prossima, gente!





Nessun commento:

Posta un commento

Che cosa ne pensi di questo? Di' la tua!