lunedì 1 giugno 2015

L'inchiesta Blog-Tour - Seconda Tappa



Miei cari lettori, oggi è un giorno speciale perchè, oltre ad essere il diciassettesimo compleanno di mia sorella, cosa che mi fa sentire terribilmente vecchia, per la prima volta Libri del cuore e cuori di libri partecipa ad un blog-tour. E lo fa con un libro molto interessante, L'inchiesta di Mario De Martino, di cui ho già letto e recensito alcuni libri: I Figli di Atlantide, Antarctica e Regole del gioco, di cui renderò presto disponibile la recensione su questo blog. Lascio subito la scena al protagonista di questo post!






Lucifero era il più bello degli angeli del Paradiso. Si ribellò a Dio e fu scaraventato nelle profondità degli inferi.

Adamo ed Eva, nel paradiso terrestre, furono tentati da Satana – sotto le sembianze di un serpente – e addentarono una mela: così fu commesso il “peccato originale”. Dio li scacciò, ma diede loro il libero arbitrio.

Dio dettò a Mosè i dieci comandamenti sul monte Sinai, incidendoli su due tavole di pietra. I comandamenti costituiscono un vero e proprio patto d'amore con Dio, e sono degli obblighi morali rivolti all'intera umanità: tutto il mondo deve rispettarli al fine di garantire una pacifica convivenza tra i popoli.

Gesù, il figlio di Dio, nacque nell'anno zero a Betlemme, in una mangiatoia, riscaldato dal fiato di un bue e di un asino. Fu inoltre visitato dai re Magi, sovrani giunti dall'Oriente (i cui nomi erano Gaspare, Melchiorre e Baldassarre).

Quante volte abbiamo sentito questi racconti?
E se vi dicessero che niente di tutto ciò (o quasi) è scritto nella Bibbia?

“L'inchiesta”, il nuovo libro di Mario De Martino, uscirà alla fine di giugno per la 0111 edizioni (www.0111edizioni.com). È un saggio che tenterà di rispondere a una domanda particolarmente complessa, e cioè: “Ci sono discrepanze tra ciò che ci insegnano e ciò che è effettivamente riportato nei testi sacri? E in che modo la Chiesa ha 'organizzato' il materiale religioso (testi, tradizioni, ecc.) per costruire il suo potere millenario e contribuire al benessere della società?”

Più che fornire risposte, il testo vuole invitare il ricercatore a riflettere, a porsi domande, a indagare al fine di “far quadrare i conti”. Molti sono gli interrogativi sollevati:

·         È vero che Satana non è un nome proprio?
·         È vero che la Bibbia parla di tanti dèi e non del Dio unico?
·         È vero che il Dio dell'Antico Testamento ha ordinato la morte di migliaia di persone?
·         È vero che Gesù nacque da una vergine, non ebbe fratelli né sorelle e non si sposò mai?

L'errore che si commette più frequentemente è quello di pensare che la Bibbia ci sia pervenuta così come la leggiamo adesso.

Partiamo da un assunto: non sappiamo quando è stata scritta la Bibbia. Si ipotizza che possa essere stata redatta in un arco temporale estremamente vasto, dal 1500 al 125 a.C.. Molti studiosi, tuttavia, ritengono che sia stata pesantemente rivista (o forse scritta?) tra il VII e il VI secolo a.C..
Le fonti più antiche a nostra disposizione risalgono solo al 200 a.C. circa: si tratta dei cosiddetti “manoscritti di Qumran”.


Secoli di silenzio, quindi, intercorrono dal momento in cui il primo autore biblico ha scritto la prima parola della Bibbia e il manoscritto più antico a noi pervenuto.

I manoscritti antichi riportano un testo molto diverso da quello che leggiamo adesso: la Bibbia è infatti uno dei libri più rimaneggiati al mondo!
Chissà cosa dicevano i manoscritti originali? Le fonti più antiche della Bibbia ci sono giunte in ebraico, ma i testi originali in che lingua sono stati scritti? E, soprattutto, da chi?
Non lo sappiamo, e forse non lo sapremo mai.

Basare “la verità” su un libro del genere, dunque, è estremamente difficile. Perfino nell'interpretazione teologica non sono tutti d'accordo: ritenere che, dopo la morte di Gesù, tutti lo ritenessero il figlio di Dio morto e risorto per la salvezza dell'umanità è assolutamente falso.
Dopo la morte di Gesù il Cristianesimo – così come lo intendiamo oggi – non si era ancora formato. Esistevano tante correnti di pensiero estremamente diverse le une dalle altre: c'era chi riteneva Gesù il Dio fatto uomo e chi, invece, lo subordinava al Padre.
Fu per evitare ulteriori fratture nel suo impero che Costantino (più per motivi politici che religiosi) ritenne necessario riunire un concilio in quel di Nicea, al fine di mettere una volta per tutte le cose “in ordine”.

“L'inchiesta” tenterà di fare il punto anche su questo, e cioè: come è stato organizzato il “materiale” nel corso dei secoli? Come ha fatto la Chiesa – da piccola comunità di fedeli professante la carità e l'amore verso il prossimo – a trasformarsi nell'istituzione più potente dei nostri giorni?

Se vi è venuta voglia di leggere il libro, potete farlo gratis! La 0111 edizioni ha messo a disposizione alcune copie gratuite (più altri libri a scelta) che saranno inviate gratuitamente ai vincitori di un giveaway. Per partecipare basta seguire questo semplice regolamento:


Il blog-tour continuerà lunedì 8 giugno sul blog di Francesca (“Franci Lettrice Sognatrice”, http://francilettricesognatrice.blogspot.it/) con tante altre curiosità e anticipazioni su “L'inchiesta”.

Non mancate!

Nessun commento:

Posta un commento

Che cosa ne pensi di questo? Di' la tua!