giovedì 30 luglio 2015

Intervista! Parla Silvia Maira

Ormai il giovedì è diventato il giorno delle interviste! Oggi è il turno di Silvia Maira, autrice del libro Un cuore a metà edito da Lettere Animate.

 Ciao Silvia e benvenuta! Grazie per esserti resa disponibile per quest'intervista! Partiamo subito con le domande!

Per chi ancora non ti conoscesse: che cosa ci dici di te?    
Mi chiamo Silvia Maira, sono di Marsala, la città dell’omonimo vino e dello sbarco di Garibaldi l’11 maggio 1860. Sono diplomata al liceo classico, sono una mamma a tempo pieno e sono felice di esserlo, perché vedo crescere mia figlia e ho la possibilità di trascorrere con lei molto tempo. 

Forse è una domanda scontata, ma questo non significa che non sia importante: che cosa ti ha spinto ad avvicinarti alla scrittura?  
Sono sempre stata una lettrice costante e assidua. Non credo che io abbia mai passato un periodo della mia vita senza un buon libro tra le mani. Leggo da quando ho sette, otto anni. La passione per la scrittura è nata durante gli anni del liceo, quando mi è stata data la possibilità di scrivere per un giornale locale articoli che riguardavano la realtà della mia città. Solo di recente è nata la necessità di mettere per iscritto le mie emozioni e trasformarle in pensieri, parole, personaggi, ambientazioni. In un momento un po’ pesante della mia vita ho sentito il bisogno di trovare uno spazio che fosse solo mio e quando un autore scrive si isola dal mondo ed è lui con i suoi pensieri. 

Parlaci un po’ dei tuoi libri: di che cosa trattano, qual è il genere, come sono nati… siamo lettori molto curiosi!  
In realtà Un cuore a metà è il mio romanzo d’esordio. Se vogliamo utilizzare un termine tecnico dico che è un romanzo sentimentale. Io però amo definirlo un ricamo di sentimenti. Nel mio libro parlo d’amore, ma l’amore ha tante sfaccettature. E’ amore quello fra un uomo e una donna, ma è amore anche quello che lega i membri di una famiglia, una madre alla figlia, un fratello ad una sorella, anche l’amicizia, quella vera, profonda e sincera, è amore. Un cuore a metà è la storia d’amore passionale e travolgente tra un uomo di sessant’anni, benestante e affascinante e una donna di trent’anni, che appartiene ad un mondo più semplice. La domanda che io pongo è: può l’amore superare le difficoltà sociali e generazionali? L’idea del libro è nata da un sogno. Ho sognato un’elegante villa dove abitava un distinto signore di mezza età. Così ho iniziato a pensare a questo personaggio, come si poteva chiamare, quale lavoro potesse svolgere e via dicendo. E’ chiaro che un romanzo non può essere improvvisato, alcune scene sono stata costruite momento dopo momento. Quando scrivo ascolto la musica. Un cuore a metà è nato ascoltando le melodie di Ennio Morricone, le canzoni di Mina, di Claudio Baglioni, di Gino Paoli e molte canzoni sono citate nel libro. Una melodia però fa da colonna sonora al libro ed è Roma nun fa la stupida stasera. Il mio libro è ambientato in parte in Sicilia, in due paesi i cui nomi sono di pura invenzione e a Roma ed è tutto sommato un omaggio alla mia terra e a questa città che amo molto. 

Quali sono i tuoi modelli ispiratori, quali sono state le letture che più di tutte ti hanno formata? A quindici anni mi è stato regalato un libro di Sveva Casati Modignani, Disperatamente Giulia. Da quel momento ho iniziato a leggere i suoi libri, uno dopo l’altro. Lezione di tango, Leonie insieme a Disperatamente Giulia sono i miei preferiti. Ho continuato con Nicholas Sparks apprezzando Le pagine della nostra vita , Come un uragano e La risposta è nelle stelle. Sono questi autori i miei modelli ispiratori, amo i loro libri e il loro modo di scrivere, come riescono a coinvolgere il lettore e a trasmettere le emozioni  fino a renderle reali. Il loro stile è sempre elegante e ricercato.

Nella tua esperienza editoriale, quali sono quegli aspetti che ti hanno soddisfatta e cosa, al contrario, cambieresti? 
Io ho avuto l’opportunità di pubblicare grazie ad una casa editrice che ha creduto in me e nel mio libro ed è Lettere Animate. Il mio libro è attualmente disponibile in versione e book, anche se è già in progetto l’uscita del cartaceo. Sono contenta del risultato raggiunto perché purtroppo oggi non sono in molti gli editori che danno spazio agli esordienti.  Però mi rendo conto che oggi, nel 2015, la lettura in formato e book per molti rappresenta ancora una difficoltà

A questo punto ti chiedo, che cosa ne pensi in generale dell’editoria italiana nelle sue diverse forme?  
 Come dicevo prima si dovrebbe dare più spazio agli esordienti, invece molto spesso si guarda alla lunghezza di un testo, alla battute, senza conoscerne il contenuto. Gli esordienti faticano molto prima di riuscire a trovare un editore disposto a investire su di loro e questo credo sia anche dettato dalle leggi del mercato.  Eppure io ho letto molti esordienti e anche tante auto pubblicazioni e devo dire che ci sono lavori che meriterebbero molta più visibilità e considerazione e , per dirla tutta, ho acquistato libri di cui le recensioni parlavano un gran bene, pubblicati da case editrici prestigiose e sono stati un’autentica delusione! 
  
 Il consiglio che non daresti a nessuno scrittore alle prime armi?  
Ad uno scrittore alle prime armi direi di diffidare  da siti ben costruiti che promettono sogni di gloria a prezzi esorbitanti per un esordiente.
 
 Se dovessi scrivere una storia in cui il protagonista è un animale, che animale sarebbe? Perché? Il gatto, senza dubbio, perché ho avuto un gatto di nome Carmelo che è stato un amico simpatico e vivace, affettuoso e fedele, ma soprattutto uno scacciapensieri vivente! Mi manca molto. 

Ti viene data la possibilità di compiere un lungo viaggio a tua scelta: dove ti piacerebbe andare e per quale motivo?   
Mi piacerebbe visitare tutti i borghi più antichi di tutte le regioni italiane e conoscerne le origini, le tradizioni , gli usi, la cucina. Sarebbe un buon bagaglio, mi arricchirebbe e penso che, per chi ama scrivere, sarebbe un’ottima fonte di ispirazione. 

 Per finire, hai attualmente altri progetti nel cassetto, libri da pubblicare, storie da raccontare, cose da dire?  
Sto lavorando ad un nuovo progetto, un nuovo romanzo e ad una raccolta di racconti. Spero che in futuro sentirete parlare ancora di me! Anche se così non sarà, io continuerò lo stesso a scrivere per me, perché le mie storie sono un mondo di cui solo io ho il pass per entrare!

Grazie Silvia e in bocca al lupo per i tuoi progetti!



mercoledì 29 luglio 2015

W...W...W...Wednesday #29

Eccomi qui per aggiornarvi sulle mie letture con il tradizionale appuntamento del mercoledì!



Cosa stai leggendo?
 

 


Bitterblue di Kristin Cashore. Con qualche anno di ritardo mi accingo a concludere questa trilogia... non è mai troppo tardi!
 
Cosa hai appena finito di leggere?
 
 


Roma 46 D.C. - Vendetta di Adele Vieri Castellano. Ho adorato il primo libro di questa serie, ma onestamente devo dire che questo libro ha rispecchiato le mie aspettative...che erano indirizzate più verso il basso che verso l'alto, purtroppo. Nulla a che vedere con il libro apertura della serie, ma ve ne parlerò meglio in dettagli nella recensione.
 
Quale sarà il prossimo libro che leggerai?
 
  
Il fantasma di Canterville e altri racconti, di Oscar Wilde. Più che libro è un libretto, ma visto che è comunque un classico non me lo sono lasciato scappare. Scusate l'immagin sgranata ma ho trovato solo questa :/
 
Ora tocca a voi! Quali sono le vostre letture? 

martedì 28 luglio 2015

[Segnalazione] "Un cuore a metà" di Silvia Maira

Buongiorno gente! Anche questo martedì è dedicato ad una segnalazione made in Italy. Ultimamente ho ricevuto molte richieste di segnalazione e pian piano sto cercando di pubblicarle tutte... ce la farò prima o poi!







TITOLO: Un cuore a metà.
AUTORE: Silvia Maira
CASA EDITRICE: Lettere Animate
PAGINE: 432
PREZZO:  euro 3,49
DATA DI USCITA: 27 maggio 2015
LINK PER L'ACQUISTO:






SINOSSI
Aida Leone è una trentenne siciliana, agente immobiliare con una famiglia normale e un’amica di vecchia data, Mila, il cui legame è più forte di un vincolo di sangue.
All’improvviso, in un freddo giorno di dicembre, la sua vita tranquilla viene sconvolta dall’incontro con Ruggero Serravalle, facoltoso e affascinante imprenditore romano, trent’anni più grande di lei.
Tra i due scoppia una passione forte e travolgente, che sembra superare ogni ostacolo, sociale e generazionale. Ruggero si troverà ad affrontare la famiglia di Aida: le perplessità di papà Pietro, che ha la sua stessa età e di mamma Lucia, che avevano immaginato al fianco della loro figlia un uomo più giovane. Aida, dal canto suo, si scontrerà con l’anziana madre di Ruggero, una donna di ottanta anni dal carattere forte e volitivo, che ha un forte ascendente sul figlio e che vive nel ricordo della moglie di Ruggero, deceduta qualche anno prima, a cui la donna era molto affezionata.
Può un amore e un’attrazione così forte superare tutte le difficoltà?
Il destino sembra complicare ulteriormente le cose quando, nella vita di Aida, compare una nuova persona, Johnny, un musicista, poco più grande di lei, allegro e spensierato, che se ne innamorerà perdutamente e proverà a far breccia nel suo cuore, nonostante l’ingombrante presenza di Ruggero, con la sola ricchezza di cui dispone: la musica.
Un cuore a metà” è un romanzo ricco di emozioni, un ricamo di sentimenti che mira ad arrivare dritto al cuore del lettore, una storia vissuta tra due paesi della Sicilia, Marina di Scimeca e Fontanabella, i cui nomi sono di pura invenzione, e Roma.
Una storia ricca di colpi di scena, con un finale rassicurante, ma non scontato.

L'AUTRICE
 
Silvia Maira vive a Marsala, è sposata ed è mamma. Si è diplomata al liceo classico Giovanni XXIII della sua città. Ha coltivato la passione per la lettura fin da piccola, leggendo molti classici della letteratura per ragazzi, come Il piccolo lord, Piccole donne, La capanna dello zio Tom, Il giro del mondo in 80 giorni, I pattini d’argento e molti altri. Grazie agli studi classici si appassiona alla lettura di Cicerone e al suo stile, alle Bucoliche di Virgilio, alle commedie di Aristofane e alla lettura dell’Apologia di Socrate, scritta da Platone. Nel panorama della letteratura italiana, ama Leopardi, Verga e Pirandello. La passione per il romance si sviluppa grazie alle letture dei libri di Sveva Casati Modignani e di Nicholas Sparks, dei quali ha letto gran parte dei romanzi.
La passione per la lettura unitamente a quella per la scrittura l’ha portata in passato a collaborare con un giornale locale scrivendo articoli sulla realtà della sua città.
“Un cuore a metà” è il sunto delle sue passioni, quella per la scrittura, per la lettura e per la musica.
Ama scrivere ascoltando le eleganti melodie del maestro Morricone, ma il suo libro ha tratto ispirazione anche dalle canzoni di Gino Paoli, Claudio Baglioni, Antonello Venditti e Mina.
Il suo film preferito è Nuovo Cinema Paradiso.




lunedì 27 luglio 2015

Excerpt Reveal - "La mia vendetta con te" di Giovanna Roma

Gentili lettori, è con soddisfazione che oggi partecipo al mio primo excerpt reveal. So che è un po' tardi per scrivere questo post e che avrei dovuto farlo stamattina, ma visto che la scorsa notte ha piovuto e che quando mi sono svegliata l'aria era piacevolmente fresca, mi sono data da fare con le pulizie della mia taverna domestica, e la cosa mi ha preso più tempo del previsto... diciamo circa sette ore!! Rimedio adesso, perchè un impegno è un impegno! Dunque, vi va di scoprire insieme a me La mia vendetta con te di Giovanna Roma?





TITOLO:    La mia vendetta con te

AUTRICE: Giovanna Roma

Self-pubblishing

GENERE:  Dark contemporary romance

DATA PUBBLICAZIONE: 22 luglio 2015

PREZZO:   €  0,99

PAGINE:   240





SINOSSI:  La rovina di lei, potrebbe essere una salvezza per lui.

Perché difendere la figlia del peggior nemico? La vendetta è a portata di mano ed è così dolce, giovane, perfetta per lui, per saziare la sua lussuria.

 Elin crede di sapere come sarà la sua vita, peccato solo di non aver fatto i conti con ciò che è fuori dalla sua bolla felice.
Incontrerà un uomo di nome Maksim, disposto a tutto per la sua vendetta ed entrerà a far parte delle più note organizzazioni criminali russe. Le redini del gioco sfuggono di mano e gli equilibri che si erano creati saranno messi in discussione da passioni ed egoismi.

Riusciranno a capire di non essere più semplici avversari o verranno inghiottiti dagli interessi latenti della mafia russa? 


**Dark contemporary romance

Questo romanzo contiene situazioni inquietanti, scene molto forti, violente, esplicite e un linguaggio crudo. Non adatto a minori o persone particolarmente sensibili o suscettibili. Se ne raccomanda una lettura consapevole.**
 
------------------------------------------------ESTRATTO------------------------------------------------

Sono dei possenti colpi alla porta a risvegliarmi.
<<Cazzo, Kate. Porta il culo fuori di lì o giuro che te lo picchio a sangue!>>
Non appena riconosco la voce, schizzo fuori dalla vasca.
<<A...arrivo, un attimo.>>
<<Apri questa dannata porta! Subito!>>
Mi avvolgo il corpo infreddolito in un morbido accappatoio bianco di spugna. Apro tremante la porta e lo vedo entrare come una furia, rosso in volto e con occhi minacciosi.
<<Perché cazzo ti sei chiusa dentro?>> sbraita adirato.
<<Non sapevo se ci fosse qualcun altro in casa a parte noi due>> spiego come se fosse evidente.
<<E anche se fosse?>> ribatte sollevando le spalle.
<<Ma potrebbe entrare qualcuno>> insisto.
Maksim alza la mano destra e la cala sul mio viso due volte, dritto e rovescio.
<<Ti avverto, stronza, non chiuderti mai più a chiave. I miei ospiti ed io dobbiamo sempre avere accesso a te.>>
Impallidisco di colpo, perché ora mi sono chiare come non mai le sue intenzioni.
<<Non parli sul serio>> ribatto con le lacrime agli occhi. <<Se era questo il tuo obiettivo sin dall’inizio, allora perché non hai lasciato che Nikolaj o quei quattro tizi della taverna mi violentassero?>>
Maksim si avvicina con aria potente e intimidatoria. <<Tu non spalancherai le gambe al primo cazzo che ti attira, come fossi una puttana qualunque. Le aprirai solo se te l’ordinerò io e per chi vorrò io.>> Le sue dita scattano dritte intorno al mio collo. É così veloce che neanche lo vedo muoversi. Gli occhi scintillanti rabbia sono ipnotici.
<<Tu mi appartieni, Katerina ed esegui soltanto i miei comandi.>> Lo dice con una calma così gelida da farmi perdere un battito. A poco a poco mi libera dalla sua presa. Sento il peso di ogni cosa: i decimi di febbre, le sue parole, i suoi insulti e minacce, i suoi schiaffi. E scoppio in un pianto che mi accascia al suolo.
<<Io ti possiedo. Ogni parte di te mi appartiene. Mente>> prosegue quella fredda voce passandomi un dito sulla fronte. <<Perché è a me che pensi quando vieni e corpo, perché reagisce così solo con me.>>
Maksim mi prende per capelli e tira fino in corridoio. Urlo per il dolore, strillo di lasciarmi andare, finché non molla la presa. Con la punta del piede mi solleva il mento perché lo guardi dritto negli occhi. Le braccia incrociate sul petto, le possentispalle e il volto duro gli conferiscono un aspetto minaccioso ed io smetto subito di piangere. La mia espressione è un concentrato di odio.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




BIOGRAFIA AUTRICE: Sono nata e cresciuta in Italia e ho viaggiato sin da bambina. I generi che leggo spaziano tra thriller, psicologia, erotico e dark romance. Anche quando un autore non mi convince, concedo sempre una seconda possibilità, leggendo un altro suo libro. “La mia vendetta con te” è il mio primo romanzo ed è auto-pubblicato.


Vi lascio un po' di link utili:
Blog di Giovanna Roma  Goodreads   TWITTER: @_GiovannaRoma_

Link per l'acquisto di "La mia vendetta con te"

Allora, che ne pensate? Se poi curiosate un po' su altri blog, potrete trovare altri estratti oltre a quello sopra riportato!

 
  

[Recensione] "Chelsea & James" di Roberto Giuseppe Cozzo

Quando un autore o un'autrice mi inviano il loro libro per ricevere una recensione, non so mai cosa aspettarmi. Da un lato so che devo tenere presente che chi mi ha scritto può essere alle prime armi con la scrittura e essere alla sua prima esperienza editoriale, dall'altro ritengo che, soprattuto per emergenti o esordienti, una recensione critica può essere un valido aiuto. O almeno, io preferisco sempre ricevere recensioni sincere, meglio ancora se negative ma motivate. Una recensione tutta "ma che bello, meraviglioso, stupendo" è gratificante quanto inutile, se non vengono spiegate le ragioni di questi complimenti. E pur tenendo conto di questi aspetti, ci sono libri di fronte ai quali non riesco proprio a trattenere la mia frustrazione! Se c'è qualcosa che non va, la dico, punto, e chi mi segue lo sa molto bene. 

Quindi ora mi trovo ad affrontare il problema opposto: come scrivere una recensione di un libro che non mi offre nessun appiglio, nemmeno per mezza critica?






TITOLO: Chelsea & James
AUTORE: Giuseppe Cozzo
EDITORE: CreateSpace
PREZZO: 6,24€ per l'edizione cartacea; 0,99€ per la versione digitale
PAGINE: 194
DATA DI PUBBLICAZIONE: 26 febbraio 2015





SINOSSI: Stati Uniti d'America. Nel tentativo di perseguire il proprio personale senso di giustizia, due ragazzi cercano di fuggire da un ingombrante passato, che li condiziona fortemente. La moralità, immancabilmente relativa, viene messa in discussione, mentre un viaggio li porterà via dalla zona in cui hanno imparato a soffrire. Scopriranno che allontanarsi da un luogo è possibile, ma prendere le distanze dalle proprie vite è un obiettivo che può essere raggiunto solo conoscendo sacrifici forse insopportabili.

Decisamente questa è stata una lettura molto particolare, come non ne trovo spesso. Non saprei  definire bene il genere, c'è una storia d'amore ma non è decisamente romance, ci sono fughe e inseguimenti, ma non è certo un poliziesco, nè un thriller o un giallo...l'autore ha creato una storia a se stante, che si sorregge soltanto sulle proprie parole, senza cercare appigli in etichette di vario genere.

E' la storia di James e di Chelsea, due giovani che il destino fa incontrare quasi per caso, in una fredda giornata di dicembre, nella piccola cittadina di Roverside, in Texas. Lui è in fuga da un passato che rimarrà oscuro fino alla fine, lei è una giovane cameriera che lotta duramente per sopravvivvere e che deve fare i conti con le difficoltà della vita. E quando queste difficoltà arriveranno a minacciare la sua stessa incolumità, James, che fin dal primo momento non può ignorare l'affinità con questa ragazza che è a tutti gli effetti una sconosciuta, ma con cui sente di avere in comune più che con chiunque altro, arriverà a compiere un atto estremo che segnerà il destino di entrambi.

In fuga da tutto e da tutti, i due giovani diventano una cosa sola, due novelli Bonnie e Clyde - a cui mi sembra proprio che l'autore si sia ispirato, ma mi smentisca se non è così - che si spostano di stato in stato nei vasti territori degli Stati Uniti. 

Tuttavia, Chelsea & James è, credo, quanto di più distante ci possa essere da una storia di delinquenti. E' vero che per gran parte del libro i due sono costretti a cavarsela con metodi, diciamo, non troppo ortodossi, ma è anche vero che tutta la storia è pervasa da una grande intensità di sentimento. L'affetto che nasce tra i due ragazzi è un qualcosa di assoluto e, a dispetto di tutto, appare molto puro. E' un sentimento forte, che nulla se non la morte potrebbe spezzare.

Il tutto finisce con quello che, a modo suo e sotto un certo punto di vista, è un lieto fine, ma ammetto che avrei preferito un altro tipo di lieto fine... questione di gusti personali.

Veniamo a dettagli più tecnici. Sulla storia non c'è molto altro da dire, è piuttosto semplice e lineare, non c'è una grande trama o un grande intrigo, ma questo non diminuisce il piacere della lettura, nè mi spinge a etichettarla come "banale". Ho apprezzato lo stile dell'autore, molto limpido e chiaro, veloce e preciso, sa accompagnare il lettore con facilità e senza stancarlo mai. E' un modo di scrivere fresco e che si fa gustare. Non ho trovato errori nè imperfezioni, e considerando che questa è la sua opera d'esordio, direi che è un qualcosa di niente male!

Certo, non stiamo ancora parlando di un capolavoro, ma di una prima opera che fa pensare che Roberto Giuseppe Cozzo saprà farsi apprezzare dai lettori anche per le sue future opere!