giovedì 19 maggio 2016

Segnalazioni multiple!

Reduce da una bella grandinata che ho schivato per un pelo, e in attesa che il tempo si stabilizzi per andare a fare un'indispensabile spesa (mentre scrivo sto mangiando muesli dal sacchetto, perché è l'unica cosa dolce che c'è in casa e io sono in astinenza da cioccolata e dolci in generale), vi lascio due interessanti segnalazioni!






TITOLO: Gli occhi del lupo
AUTORE: Federica Amalfitano
CASA EDITRICE:Aletti Editore
PAGINE:cartaceo 244, ebook 215
GENERE:Urban Fantasy (YA)
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2016





La vita a Florence è sempre stata monotona e priva di qualsiasi attrattiva finché, un giorno, il bosco che caratterizza la città si popola di un branco di lupi. Ellen Smith, timida ragazza diciassettenne, si troverà catapultata in un mondo che mai avrebbe potuto pensare esistesse davvero: quello dei licantropi. E quel ragazzo misterioso arrivato a scuola improvvisamente chi è in realtà? Le storie dei due giovani si incroceranno molto presto e, il legame protettivo che li unirà, si intensificherà giorno dopo giorno.
Il capo Alpha del clan, i Wolfers (Gran Consiglio dei licantropi) e i Verdana, faranno di tutto per distruggere il loro rapporto di amicizia.

Riusciranno i ragazzi a restare uniti nonostante le avversità?


Nata ad Ischia in provincia di Napoli nel 1986, si Laurea in Scienze Biotecnologiche per la Salute all’Università degli Studi di Napoli “Federico II” e lavora in laboratorio. Ha sempre avuto una passione smodata per i libri, ma quella per il genere Fantasy nasce grazie al “Signore degli Anelli” di Tolkien e il primo libro di Cristopher Paolini “Eragon”. L’idea di scrivere un romanzo sui licantropi avviene durante gli anni universitari quando aveva bisogno di staccarsi per un po’ dal suo dovere di studentessa di Biotecnologie – pendolare tra Ischia-Napoli – e dedicare un paio d’ore a se stessa. L’ispirazione avviene con la lettura di “Shiver” di Maggie Stiefvater e la saga degli “Shadowhunters” di Cassandra Clare.


--ESTRATTO--

«Bene. Adesso che la famiglia è riunita dobbiamo parlare», esclamò Paul accendendosi l’ennesima sigaretta della giornata. 

«Di cosa?», s’informò mia cugina Anne spalancando i suoi grandi occhi verdi e legandosi i lunghi capelli biondi con un elastico.

«Degli ACILM».

«Sono qui?», chiesi prontamente.

«No. So solo che si stanno avvicinando sempre di più. Hanno già fatto fuori centinaia dei nostri simili sulla costa occidentale e ben presto saranno qui».
Mio padre parlottò con mia madre. Dovevamo trasferirci al più presto in un luogo sicuro, secondo lui.
«Io non ho nessuna intenzione di scappare per l’ennesima volta. Preferisco affrontarli piuttosto», esclamai prima che mio padre ci ordinasse
di levare le tende al più presto.
«Non dire sciocchezze Taylor. Sai benissimo di cosa sono capaci. L’unica soluzione è allontanarci di qua il prima possibile».
Ma nemmeno Paul e i figli più grandi erano d’accordo con lui. Eravamo stufi di scappare. Un lupo mannaro non fugge di fronte al pericolo. Nemmeno quando l’Associazione Contro i Lupi Mannari decide di fargli visita.










TITOLO: La sirena meccanica
AUTORE:Giada Bafanelli
CASA EDITRICE:autopubblicato
PAGINE:136
DATA DI PUBBLICAZIONE: 3 maggio 2016





Da quel che ricorda, Nym ha sempre vissuto nelle profondità del mare, metà ragazza e metà cyborg. Ma quando la sua memoria riaffiora, inizia a farsi delle domande. L’oceano è una distesa calma e blu che conosce alla perfezione, ma cosa c’è oltre?

Quando salva un marinaio dopo il naufragio di un’aeronave, il desiderio di vivere in superficie si fa di giorno in giorno più forte. Ma il mondo al di là delle onde è cupo e spietato, e non c’è spazio per chi è diverso.



Ispirato alla favola “La sirenetta” di Hans Christian Andersen, “La sirena meccanica” unisce sentimenti e avventura.


Giada Bafanelli ha ventotto anni e le sue più grandi passioni sono sempre state la musica e la narrativa, specialmente di genere fantasy. Oltre a “La sirena meccanica” ha pubblicato il racconto urban fantasy “Alone. Il solitario”, il romanzo fantasy ispirato alla mitologia norrena “La figlia della vendetta” e il romance contemporaneo “Un altro domani”.




 

6 commenti:

  1. Ciao! Scusa se approfitto del post! Volevo dirti che ti ho nominato per il Liebster Blog Award 2016, trovi tutto qui :) https://storiedipagine.blogspot.it/2016/05/liebster-blog-award-2016.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao :) grazie per la nomina, ma al momento purtroppo non ho davvero il tempo di partecipare :(

      Elimina
  2. Ti ho premiata:
    http://fantasyfordreaming.blogspot.it/2016/06/liebster-award-2016-discover-new-blogs.html
    Ciao.

    RispondiElimina

Che cosa ne pensi di questo? Di' la tua!